Pubblicato il giorno 9 ottobre 2020 Archiviato in: Call/Bando

Premio Lorenzo Claris Appiani per la traduzione 2021

Il Premio Lorenzo Claris Appiani per la traduzione è riservato agli editori indipendenti e alle loro pubblicazioni. Il Premio è promosso dalla famiglia Appiani, dall’Associazione Culturale Elba Book Festival e dall’Università per Stranieri di Siena (UNISTRASI), che garantisce anche il supporto scientifico, e si svolge con il patrocinio del Comune di Rio e della Regione Toscana.

Sono ammesse a partecipare al Premio solo le opere di narrativa, di poesia e di teatro pubblicate per la prima volta in Italia da editori indipendenti nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2018 e il 1° gennaio 2021. Per l’edizione 2021 il Premio è riservato a opere tradotte direttamente dalla lingua ebraica alla lingua italiana. Il Premio, destinato al traduttore, consiste in € 1.500,00 e un orologio LOCMAN (sponsor della manifestazione).

La richiesta di partecipazione, insieme all’opera candidata, deve essere presentata entro il termine del 31 dicembre 2020.

Bando completo

Pubblicato il giorno 27 marzo 2019 Archiviato in: Eventi

Casa delle Traduzioni, “Israele in fiore”

La Casa delle Traduzioni dedica il mese di aprile a Israele.

Giovedì 4  aprile 2019,  ore 17.30
Tradurre, leggere, studiare il Talmud
a cura di  Gad Piperno e Shulim Vogelmann

Mercoledì 10 aprile 2019, ore 17.30
Letteratura e traduzione dall’ebraico moderno all’italiano e viceversa
a cura di Shirley Finzi Loew e Olga Dalia Padoa

Casa delle Traduzioni
Via degli Avignonesi 32, Roma
tel. 0645460720

Pubblicato il giorno 4 giugno 2015 Archiviato in: Formazione

Mediterraneo in traduzione

È stato prorogato al 9 giugno il termine di presentazione delle domande di partecipazione alla scuola estiva Mediterraneo in traduzione, organizzata da Fusp – Fondazione Universitaria San Pellegrino, SSML di Vicenza e Mesogea, con il patrocinio della Casa delle Traduzioni di Roma.

Messina – Parco Letterario Horcynus Orca
6–11 luglio 2015

In questa prima edizione si parlerà francese, arabo, ebraico e turco e nelle prossime edizioni anche greco, serbo, sloveno, albanese e spagnolo.
I laboratori affronteranno un tema comune declinato in testi proposti dalle docenti Elisabetta Bartuli per l’arabo, Yasmina Melaouah per il francese maghrebino, Alessandra Shomroni per l’ebraico e Şemsa Gezgin per il turco.
Il lavoro di traduzione sarà integrato da un seminario sulla revisione tenuto da Giovanna Scocchera e da un seminario sulla “grammatica per traduttori” tenuto da Mariarosa Bricchi.

Informazioni e iscrizioni